CHANGE è un programma di formazione per il trasferimento di competenze specifiche che nasce dalla necessità di affrontare problematiche relative alla sostenibilità delle industrie culturali e creative (ICC).

Emerso in risposta alla crescente consapevolezza riguardo agli effetti negativi delle attività umane sull’ambiente, CHANGE è volto a favorire la necessaria transizione verso la decarbonizzazione negli operatori culturali attraverso un percorso di condivisione di buone pratiche, casi studio, strumenti e formazione on the job.

Il contesto entro cui si inserisce Change è quello sfidante che mostra come nei sette anni ormai scarsi che restano all’Italia per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione richiesti dall’Agenda 2030 si dovrà portare a termine un risultato in termini di decarbonizzazione che è paragonabile per dimensione rispetto a quello che abbiamo fatto dal 2005 a oggi!

Oggi, considerati i target relativi al cambiamento climatico, e in particolare il target stabilito dall’UE per la neutralità climatica al 2050 relativo alle emissioni, il settore culturale deve trasformarsi insieme alle altre attività e, anzi, può essere una delle leve da utilizzare per accelerare tale trasformazione a livello sistemico. In questo contesto, decarbonizzare la cultura, ovvero rendere le emissioni dei beni e delle attività culturali neutrali, significa consentire al settore di avere un ruolo maggiore nella nostra vita, in una società che dovrà veder sparire le attività connesse alle fonti energetiche fossili. I contenuti veicolati dalle attività culturali contribuiscono fortemente a formare il nostro immaginario, a trasformare la realtà in cui viviamo, sia guardando ai singoli, sia guardando alla comunità e alla sfera economica. I beni e le attività culturali veicolano contenuti e significati di particolare importanza quando la necessità di un cambiamento di paradigma si fa stringente.

CHANGE offre un’opportunità di sviluppo di conoscenze e competenze, condivisione di buone pratiche e di costruzione e ampliamento delle reti. La formazione prevede:

  • l’identificazione dei temi legati alla sostenibilità in campo ambientale, sociale ed economico
  • la conoscenze e l’apprendimento all’uso delle pratiche e degli strumenti di decarbonizzazione
  • le basi per la definizione del contesto di appartenenza e benchmark di settore

Il corso si prefigge anche l’obiettivo di sviluppare la sensibilità ambientale e sociale per comprenderne la corretta applicazione ed impatto nelle produzioni culturali 

Fondamentale anche la creazione di soft skills per sviluppo di networking in ambito di sostenibilità

Il percorso formativo:

La formazione, in collaborazione con Legambiente Piemonte e Valle D’Aosta, esperti di ambientalismo scientifico e transizione ecologica, e con una serie di esperti nazionali e internazionali, prevede:

  • 10 lezioni online dedicate alla sostenibilità economica, sociale e ambientale delle ICC;
  • 1 workshop dedicato al Project Cycle Management (PCM), come strumento chiave per una progettazione più sostenibile;
  • 2 settimane di job shadowing all’interno di istituzioni culturali ospitanti per mettere in pratica quanto appreso durante gli incontri o sviluppare un project work presso la propria, con il supporto flessibile di Fondazione Santagata;
  • 1 giornata di restituzione e scambio dei progetti sviluppati tra i partecipanti al percorso

I destinatari

I soggetti a cui è destinato il programma di formazione sulla sostenibilità sono operatori culturali e practitioner che ricoprono figure professionali emergenti quali sustainability manager, project manager culturale, community manager, che lavorano o intendono lavorare all’interno di musei, gallerie, teatri, festival culturali, organizzazioni artistiche, aziende creative e altre istituzioni culturali pubbliche, private e non profit.

Ammissione

Per partecipare alle selezioni del programma formativo Change, Decarbonising Culture è necessario iscriversi attraverso il form sul sito entro il 15 gennaio 2024.

Quota di partecipazione e borse di studio

La quota di partecipazione al programma è di 1.500 euro, esclusi i costi vivi della partecipazione alle due settimane di job shadowing (opzionale) e delle giornate in presenza. Per chi intenda seguire solo la formazione online la quota è di 500 euro

Grazie al sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo, si potranno coprire fino a 15 borse di studio  destinate a studenti, professionisti o organizzazioni che operano in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta a copertura della partecipazione al programma e fino a 1.000 di contributo per le due settimane di job shadowing (eventuali viaggi, pernottamento e pasti). Tra i criteri di selezione per le borse verrà considerato prioritario la partecipazione di under 30.

Sponsor

Il programma di formazione è finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito delle “Linee guida per la formazione e l’avviamento alla professione culturale”.