Autori

Avanza Giulia | Re Alessio

Intangible Cultural Heritage & Development. Communities, Safeguard, Resilience

Dopo un lungo periodo di scarsa attenzione, oggi c’è una grande consapevolezza e una vasta letteratura che presenta la cultura e la creatività, in tutte le sue diverse forme espressive, come una risorsa, o meglio come un “capitale”, per uno sviluppo economico sostenibile.

Nella prima parte della pubblicazione, un capitolo scritto a più mani presenta una riflessione teorica sul potenziale del patrimonio culturale intangibile per promuovere lo sviluppo sostenibile e per rafforzare le comunità locali, in particolare proteggendo i diritti di proprietà intellettuale in supporto di strategie di marketing, che rappresentano uno strumento fondamentale per attivare lo sviluppo economico.

La seconda parte del volume presenta spunti di esperienze internazionali legate alla salvaguardia del patrimonio culturale intangibile, presentando alcune questioni chiave emerse in aree diverse nel mondo.

Scarica » Acquista »

Autori

Arenella Ottavia | Re Alessio

Premio Fondazione Santagata – I edizione

Fondazione Santagata in collaborazione con Ro.Me Museum Exhibition, la piattaforma professionale e internazionale per le istituzioni e le aziende operanti nei musei, nei luoghi culturali e nell’arte, ha lanciato nel 2020 la prima edizione del Premio “Fondazione Santagata” con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana UNESCO. Il Premio è nato per fornire visibilità e riconoscimento a un progetto di sviluppo sostenibile in linea con gli Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e che sia stato avviato o implementato sul territorio italiano nell’ambito di un sito o una comunità inseriti in una delle cinque designazioni UNESCO.

 

La seguente pubblicazione presenta i progetti candidati alla prima edizione del Premio e i progetti vincitori.

 

Scarica »

Autori

Arenella Ottavia | Bielli Simona | Borrione Paola | Coco Elena

Collana

Nesta Italia

Strumenti finanziari per l’arte e la cultura

Quali strumenti finanziari possono favorire la sostenibilità economica del settore artistico e culturale?

Tra il 2018 e il 2019, abbiamo lavorato ad un progetto di ricerca insieme a Nesta Italia, con l’obiettivo di analizzare il contesto italiano grazie alle testimonianze di 192 piccole e medie organizzazioni e tracciare una panoramica sullo stato delle organizzazioni culturali in Italia, sia dal punto di vista giuridico-organizzativo, sia da quello finanziario, valutando in particolare il ricorso a strumenti di finanza rimborsabile.

Dai dati è emersa la necessità di promuovere l’ibridazione e diversificazione degli strumenti a disposizione, di cui abbiamo la ricerca ha analizzato i pro e i contro grazie alle esperienze dei casi studio presentati.

Il report è rivolto primariamente agli operatori di piccole-medie imprese, associazioni, cooperative e altre forme giuridiche a cui possono essere ricondotte le organizzazioni del settore artistico e culturale; a professionisti del settore creativo che intendano strutturare un’attività imprenditoriale; a professionisti del management che intendano collaborare con organizzazioni del settore culturale.

Leggi »

Autori

Borrione Paola | Falletti Vittorio | Istituto Luce Cinecittà | Ministero della Cultura - Direzione Generale Creatività Contemporanea | Puletti Francesco

Collana

Europa Creativa

L’impatto di Europa Creativa in Italia (2014-2020)

La ricerca “L’impatto di Europa Creativa in Italia (2014-2020)” è stata commissionata dal Ministero della Cultura – Segretariato Generale a Fondazione Santagata con il supporto del Creative Europe Desk Italia – Ufficio Cultura e Uffici Media, in partenariato con Istituto Luce Cinecittà.

Lo studio offre uno spunto di riflessione sulle piccole e medie imprese dei settori culturali e creativi (ICC), settori per i quali la Direzione Generale ha il compito di intraprendere iniziative per il sostegno allo sviluppo.

Lo studio mette in luce sia le opportunità che il Programma 2014 – 2020 ha offerto ai settori, compreso l’audiovisivo, sia i punti di debolezza. Sia gli uni che gli altri contribuiscono a comprendere meglio quali siano le attese delle imprese culturali e creative e quali siano gli strumenti da attivare al fine di offrire un contributo effettivo e strategico, a livello nazionale, per lo sviluppo di queste diversificate e complesse tipologie di impresa.

Fra gli impatti presi in esame nella presente pubblicazione: l’internazionalizzazione, i nuovi modelli gestionali, l’uso delle nuove tecnologie e la commistioni tra discipline diverse nei settori performativi, l’applicazione della ricerca alle nuove produzioni e ai processi creativi, l’impatto economico e finanziario, oltre agli impatti e i risultati dal punto di vista sociale e culturale sul pubblico e sui target intercettati, sia dal punto di vista dei fruitori che degli operatori culturali e i professionisti del settore.

Scarica » Leggi »

Autori

Bertacchini Enrico | Borrione Paola

ARTE AL FUTURO – Indagine sulle carriere artistiche emergenti e la produzione culturale indipendente in Italia

Quali sono le dinamiche professionali delle odierne comunità creative?

Quali le opportunità e le fragilità nei diversi stadi delle carriere artistiche contemporanee?

Quali fattori incidono maggiormente sullo sviluppo dei percorsi lavorativi in ambito culturale?

L’indagine qui presentata cerca di dare risposta a questi interrogativi, configurandosi come una delle prime ricognizioni sistematiche a livello nazionale sui percorsi formativi, sulle trasformazioni delle carriere artistiche e culturali e sui nuovi modelli organizzativi e di produzione culturale e artistica indipendenti.

Il Progetto è promosso da GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani in partnership con Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura e con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo.

Leggi » Acquista »

Autori

Avanza Giulia | ICHCAP | Re Alessio

ICH NGO Conference – “ICH and Resilience in Crisis”

Il 12 e 13 novembre 2020, ICHCAP e il Forum delle ONG ICH hanno tenuto virtualmente la Conferenza delle ONG ICH del 2020 dal titolo “ICH and Resilience in Crisis”, con l’obiettivo di continuare lo scambio e il confronto tra ONG che lavorano nel settore del Patrimonio Culturale Immateriale.

La conferenza ha voluto fare un focus soprattutto sul ruolo e sulle sfide a cui devono rispondere le ONG, in particolare nel campo dell’istruzione e della formazione dei più giovani, con un’attenzione particolare alle conseguenze legate alla pandemia mondiale da Covid-19, che ha colpito tutte le realtà del settore culturale.

Tra i quindici partecipanti selezionati provenienti da tutto il mondo, Fondazione Santagata ha trattato il tema “ICH in the South-Western Alps: Empowering communities through youth education on nature and cultural practices” (da pag. 110 a 118).

 

Scarica » Leggi »
innovazione e cultura

Autori

Borrione Paola | Friel Martha Mary

Innovazione e cultura. Start-up entrepreneurship per l’arte e il turismo culturale

Negli ultimi vent’anni lo sviluppo tecnologico ha trasformato sempre più velocemente il modo di fruire cultura: la musica, lo spettacolo dal vivo, la letteratura, il cinema e anche l’arte visiva sono stati tutti interessati da grandi cambiamenti. L’evoluzione dei consumi culturali si è accompagnata con la nascita di nuove imprese che hanno colto l’opportunità della cultura 2.0, 3.0 e infine 4.0 per creare prodotti e servizi innovativi, dando luogo in alcuni casi a veri e propri imperi economici. Questi nuovi business hanno preso forma in un contesto estremamente mutevole e incerto ma in cui si riconosce finalmente al mondo della cultura – inclusi il turismo culturale e le industrie creative – un ruolo importante per lo sviluppo economico e la competitività dei territori. Ripercorrendo alcune delle principali trasformazioni avvenute in questi anni, “Innovazione e cultura. Start-up entrepreneurship per l’arte e il turismo culturale” analizza che cosa vuol dire oggi fare impresa culturale, affrontando in particolare i temi della start-up entrepreneurship nell’arte, nella cultura e nel turismo culturale. Quali sono oggi le opportunità per nuovi business? Chi sono gli attori che attualmente promuovono l’innovazione nei settori della cultura e della creatività? Approfondimenti, dati, casi di studio guidano chi voglia approfondire il mondo delle start-up nei mondi dell’arte, della cultura e del turismo.

 

Gli autori

Paola Borrione è Head of Research di Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura, che presiede dal 2018. Dottore di ricerca in Studi Culturali (Università di Siena), si occupa di economia della cultura e di produzione culturale contemporanea, in particolar modo in connessione con le nuove tecnologie, ambito su cui ha maturato un’ampia esperienza a livello aziendale. Ha condotto progetti di ricerca, consulenza strategica e formazione a maturando una vasta esperienza a livello nazionale e internazionale. Martha Friel insegna economia e management della cultura e del turismo all’Università IULM di Milano dove è ricercatore di Economia e Gestione delle Imprese. Le sue aree di lavoro riguardano l’economia e la gestione della cultura, delle industrie creative e del turismo su cui ha pubblicato estesamente e svolto docenza in numerosi atenei in Italia e all’estero. È consulente scientifico per CUOA Business School per i progetti sul turismo e senior fellow di Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura.

Acquista »

Autori

Re Alessio

Cultural routes and heritage systems at the territorial scale: questions of management. In Porfyriou H., Yu B. (ed. by) China and Italy: routes of culture, valorisation and management

This paper explores, from a multidisciplinary viewpoint, some of the most important questions relating to the management of heritage systems on the territorial scale, such as historic cultural routes, with specific reference to the vision and approach of UNESCO. In fact UNESCO World Heritage (Batisse, Bolla 2005), which now counts more than 1000 listed sites, is facing a significant transition both in terms of its recognition procedures and of management tools, particularly with regard to the challenges posed by the 2030 Sustainable Development Agenda. Aside from the administrative aspects, which strictly depend on specific national regulations, there are other management issues of which heritage organisations should be aware and that they should be ready to question.

Scarica »

Autori

Meneghin Erica | Re Alessio

Intangible Cultural Heritage. A screening of funding opportunities in the EU

Intangible Cultural Heritage is a significant force for 21st century Europe. The benefit of Intangible Cultural Heritage (ICH) have most commonly been seen in terms of social cohesion and engagement as a way of bringing together communities.

The Intangible Cultural Heritage means “the practices, representations, expressions, knowledge, skills – as well as the instruments, objects, artefacts and cultural spaces associated therewith – that communities, groups and, in some cases, individuals, recognize as part of their cultural heritage. This intangible cultural heritage, transmitted from generation to generation, is constantly recreated by communities and groups in response to their environment, their interaction with nature and their history, and provides them with a sense of identity and continuity, thus promoting respect for cultural diversity and human creativity”. (Article 2, 2003 Convention for the Safeguarding of the Intangible Cultural Heritage).

In this report, focus is dedicated to European Funding Programmes that could include ICH as topic. The aim is to analyse how the European Union, as an organization expanding in the culture field and developing its cultural policy, reacted to the protection and preservation of Intangible Cultural Heritage. European funding programmes are listed according to their respective thematic areas: 1. Security and citizenship: includes justice and home affairs, border protection, immigration and asylum policy, public health, consumer protection, culture, youth, information and dialogue with citizens. 2. Smart and inclusive growth: competitiveness for growth and jobs; economic, social and territorial cohesion. 3. Sustainable Growth: Natural Resources: includes the common agricultural policy, common fisheries policy, rural development and environmental measures. 4. Global Europe: covers all external action by the EU such as development assistance r humanitarian aid with the exception of the European Development Fund which provides aid for development cooperation with African, Caribbean and Pacific countries, as well as overseas countries and territories.

In addition, it gives some concrete examples of how European projects could involve the intangible sphere. It is evident, that EU policy in the field of Intangible Cultural Heritage has been, until now, insignificant and not specific in comparison to other areas of its activities.

The report suggest that ICH has been a positive economic, social and environmental driver. Innovative financing, public private partnerships, crowd-sourced funding, philanthropy and many other innovative and creative approaches have been taken to releasing the locked-up potential of Europe’s intangible heritage.

Scarica » Leggi »